I VICINI DI CASA

Donna sottomessa obbediente 254699

L- tesoro non posso. M- si che puoi lo desideri, sei bagnata fradicia di eccitazione. Le mise una mano in mezzo alle gambe Laura stava per godere non poteva nascondere la sua eccitazione il suo turbamento. Inizio di addestramento di una schiava. Laura si sveglia, aveva faticato a dormire, troppe emozioni, ma poi il sopravvento si è svegliata. Cerca di capire che ore sono, si alza non trova il telefono, va in bagno si fa la doccia. Indossa solo quello che vi è dentro. Cosa fare non ha scelta, ha accettato di essere una schiava, la schiava di sua figlia.

Giorgio e Anna, due coniugi sposati da poco, 40 anni lui, 30 anni lei. Lunghissimo fidanzamento, lei proveniente da una famiglia rigida, istruita secondo un educazione cattolica, provinciale, data in findanzata a Giorgio tramite le famiglie. Egli Giorgio lavoratore ma con idee perverse, dopo quaclhe anno di matrimonio non era riuscito a fare molto insieme la moglie troppo tesa e egli non molto esperto, per questo aveva iniziato a navigare ed era diventato un assiduo visitatore di siti erotici e fantasticava spesso di vedere la giovane mogliettina disinibita che inanzitutto canbiasse modo di vestire con capi notevole provocanti e intimo molto striminzito il contrario di come vestisse in quel momento. Vederla umiliata e usata, bensм lui da solo non ne aveva la forza, sapeva essere autoritario autenticazione che lei era molto mite, bensм al momento di prenderla con rudezza se lei supplicava e si ritraeva, non reggeva e gli si ammosciava. Doveva trovare una soluzione. Anche le ricerche su internet erano deludenti, si molti volevano foto della moglie, bensм poi abitavano lontanissimi, non era una cosa realizzabile. Come fare e la prima cosa era farle cambiare abito. E allora chiese aiuto al adiacente.

Giorgio e Anna, due coniugi sposati da poco, 40 anni lui, 30 anni lei. Lunghissimo fidanzamento, lei proveniente da una famiglia rigida, istruita secondo un educazione cattolica, provinciale, data in findanzata a Giorgio tramite le famiglie. Egli Giorgio lavoratore ma con idee perverse, dopo quaclhe anno di matrimonio non era riuscito a fare molto insieme la moglie troppo tesa e egli non molto esperto, per questo aveva iniziato a navigare ed era diventato un assiduo visitatore di siti erotici e fantasticava spesso di vedere la giovane mogliettina disinibita che inanzitutto canbiasse modo di vestire con capi notevole provocanti e intimo molto striminzito il contrario di come vestisse in quel momento. Vederla umiliata e usata, bensм lui da solo non ne aveva la forza, sapeva essere autoritario autenticazione che lei era molto mite, bensм al momento di prenderla con rudezza se lei supplicava e si ritraeva, non reggeva e gli si ammosciava. Doveva trovare una soluzione. Anche le ricerche su internet erano deludenti, si molti volevano foto della moglie, bensм poi abitavano lontanissimi, non era una cosa realizzabile. Come fare e la prima cosa era farle cambiare abito. E allora chiese aiuto al adiacente. Elio un contadino vedovo sessantenne, insieme due figli adulti e scapoli di circa 40 anni.

Inconfutabile da giovane sapeva di essere bella e desiderata, a trentotto anni epoca in gran forma una donna nel pieno della sua femminilità, si epoca una gran gnocca altro ché, lo sapeva bene e lo leggeva negli sguardi di molti uomini che incontrava, anche di ragazzi giovani, amici di suo figlio, la guardavano come se la spogliassero. Viviana attese impaziente. Nel pomeriggio Sonia era arrivata con i vestiti e lei potè rivestirsi nel frattempo le pratiche per dimetterla erano state preparate. Luca era sempre sotto sedativi e quindi forse nemmeno la riconosceva. Magari lei poteva chiedere un prestito in banca, in fondo si trattava del figlio e per i figli si fanno dei sacrifici. Probabilmente ci vorrà un anno di aiuto. Che sono due mesi? Viviana non rispose abbassando la testa le guance rosse, era troppo evidente che ella era pronta a darsi, allora il dottore le disse di togliersi reggipetto e mutandine ma di tenere calze e reggicalze.