Non concedersi

Italiano femminile 456205

Prima di arrivare al matrimonio, uomini e donne si dedicano alla propria realizzazione personale, sperimentano relazioni con partner diversi, provano la convivenza. Come sottolineano Cuter e Perona nel loro saggio Le ragazze stanno bene la modalità rispetto a cui è lecito stare in coppia è stata definita nel tempo dalla nostra società in modo decisamente poco vantaggioso per le donne. La modalità rispetto a cui è lecito stare in coppia è stata definita nel tempo dalla nostra società in modo decisamente poco vantaggioso per le donne. In seguito alla riapertura avvenuta a maggio, la mia amica è riuscita a incontrare la persona con cui per mesi aveva chattato sui social. Mi racconta di un aperitivo, poi di una cena, sottolineando più volte come in queste occasioni si sia fermata allo scambio di un bacio. In seguito a quel momento, lui è scomparso e lei mi chiama spesso perché si cruccia del fatto che se solo fosse riuscita a tenergli testa, a mantenere alto il livello di curiosità nei suoi confronti, forse non se ne sarebbe andato. Dalle sue parole è chiaro che alla donna spetti mostrarsi rispettabile, non dare adito a possibili dicerie sul proprio conto. È questo il motivo per cui in molti paesi italiani si esponevano al balcone le lenzuola usate dalla coppia la prima notte di nozze, a riprova della virtù della moglie.

Lo voglio nonostante mi abbia trattata come una «facile» perché di fondo so di essere stata facile. Lo voglio nonostante sia sparito, nonostante non ci sia futuro, nonostante frequenti altre, sebbene tutte le altre — potenziali fidanzate, potenziali donne che vinceranno alla roulette della vita e riusciranno a farlo innamorare come io in sette mesi non sono riuscita concedendogli tutto, anche il beneficio del dubbio che in realtà era già certezza; certezza di essermi invischiata in una storia arido, controproducente, bruciata. Non saremo mai una coppia. Non mi fiderei mai di lui. Parafrasando, sono trita. La verità è che non mi conosce assolutamente, vorrei precisarlo. Ma non ha voluto farlo, vorrei precisare anche questo.

Se fai una domanda devi essere pronta a saper accettare la risposta e io prima non lo ero. Ho ventisette anni e fino a alcuni mese fa ero una delle tante donne che ti hanno scritto. Innamorata persa del classico — e adesso piuttosto banale- bad boy. Che appresso a pensarci non era tanto abietto, quanto piuttosto egoista. La partita non è ancora finita, presumo. Le ho tentate tutte: tra kili presi e persi sono stata amica, amante, fonte, sorella, confidente, persino architetto per la sua casa nella quale mi vedevo con i pargoli. Ovviamente come da cliché lui tornava a prendermi. Tornava sempre ma non del tutto.

La ricerca della persona giusta è qualcosa a cui pensiamo sempre, anche se a volte smettiamo di crederci. Improvvisamente allora 25 segni per capire se, forse, avete trovato davvero la individuo giusta. Non importa quali siano i vostri sogni, le vostre aspirazioni e non importa nemmeno se stasera siete giù di morale perché avete avuto una brutta giornata al lavoro. Egli vi capisce e vi da aiuto. Magari non sarà nemmeno della vostra stessa opinione, ma vi ascolta e vi sta accantoincoraggiandovi e cercando di allontanare tutte le preoccupazioni anche stando sul divano davanti ad un pellicola. Vuole costruire qualcosa con voi, non per voi. Il futuro si costruisce insieme, non separatamente.